Gruemp ti ascolta...

Come apprende l'adulto…l'Andragogia in Breve

formazioneamica
FacebookLinkedInTwitterWhatsAppEmail
Per molti secoli, la fase adulta della vita era associata ad un momento di stabilità, certezza e indipendenza.. da qualche decennio invece, anche nel mondo degli adulti, si è generata una sorta di instabilità (professionale e familiare), che prima si manifestava solamente nei momenti di sviluppo. È proprio in questo contesto che prende forma l’andragogia: lo studio sistematico di come hanno origine e si sviluppano, nell’adulto, i processi di apprendimento. Volendo delineare alcuni aspetti focali dell’andragogia, per portarne alla luce le caratteristiche più significative, possiamo dire che questa considera l’adultità come un concetto multidimensionale (influenzato da differenti variabili), si appoggia a differenti teorie di riferimento quali, per esempio, la teoria dell’experiential learning di Kolb. Altro tratto dominante dello studio andragogico è il fatto considera come importante lo spazio per la condivisione di processi e apprendimenti, pone la storia della persona che apprendere come la più grande potenzialità e il più rilevante ostacolo all’apprendimento. Per creare un intervento di formazione che sia in stile andragogico è fondamentale l’attenzione agli stili cognitivi individuali, alle caratteristiche emotive dei partecipanti e ai differenti contesti di apprendimento; altro aspetto importante è la motivazione che viene data all’adulto, prendendo in considerazione ciò che una persona è nel momento in cui si accosta alla formazione e, soprattutto, gli obiettivi di miglioramento che vuole raggiungere. apprendimento-esperienziale L’approccio formativo Andragogico risulta essere particolarmente pragmatico e molto utile nel rendere principali protagonisti dell’intervento formativo proprio i formandi (le persone in formazione), ponendo in un ruolo di “facilitatori dell’apprendimento” i formatori. Un adulto in formazione si sente “centrale” ad ogni processo formativo a lui dedicato, se viene coinvolto sia nell’analisi dei bisogni, sia nella progettazione/realizzazione delle fasi di apprendimento e valutazione. Utilizzare un metodo Andragogico, favorisce  l’impegno post apprendimento e la messa in pratica (autodirezione), nella propria realtà di vita, da parte dei formandi; con l’ulteriore ripercussione positiva che essi sentiranno più “propri e meritati” i successi e i miglioramenti di crescita ottenuti come risultati della formazione fatta. Questo stile formativo è uno dei punti di riferimento anche dei corsi per lo sviluppo personale e per lo sviluppo manageriale della formazione GRUEMP.  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

uno × cinque =