Gruemp ti ascolta...

Cos’è l’automotivazione, perché svilupparla, come svilupparla

formazioneamica
FacebookLinkedInTwitterWhatsAppEmail

L’automotivazione innanzitutto è una competenza soft (trasversale o esistenziale) che riguarda la capacità di mettere in gioco risorse personali cognitive, emotive e comportamentali finalizzate all’attivazione auto diretta in funzione del raggiungimento di obbiettivi definiti. Questa competenza riguarda dunque la capacità di mettere in moto energie psicofisiche adeguate per affrontare le situazioni della vita che spesso percepiamo come ostacoli, problemi, disagi, difficoltà, imprevisti, negatività; oppure per raggiungere obbiettivi, portare a termine progetti, rispondere a bisogni e desideri.
La nostra capacità di auto motivazione dunque è direttamente influenzata dalle convinzioni di ognuno di noi circa il proprio valore, le nostre abilità o competenze, gli obiettivi e le aspettative di successo o insuccesso e i sentimenti positivi o negativi che derivano da un processo continuo di nostra autovalutazione. La percezione che ognuno di noi ha di sé deriva infatti da quattro fonti:  

  • le performance precedenti
  • l’osservazione di altri in situazioni analoghe
  • la persuasione di sé
  • le proprie reazioni psicofisiologiche ed emotive.

L’auto motivazione viene influenzata soprattutto da fattori di auto-efficacia, auto-stima e self-confidence (crederci). Un circolo virtuoso si innesca quando viviamo emozioni di gioia, entusiasmo e otteniamo un successo dopo l’altro o risultati successivi in un tempo abbastanza ravvicinato: questo ci motiva e ci dà energia. Quando invece viviamo emozioni di rabbia, paura e otteniamo frustrazione, insuccessi o sconfitte ravvicinate si innesca un circolo vizioso: questo ci demotiva e ci toglie energia.

Perché svilupparla?

Sviluppare l’Auto motivazione è molto utile per poter padroneggiare con continuità ed efficacia il proprio potenziale d’azione e riuscire così ad attivare le migliori scelte possibili che ci permettano di ottenere i risultati desiderati attraverso l’espressione in specifiche situazioni delle nostre migliori performance possibili. Il pensiero positivo che si sviluppa in conseguenza dei successi raggiunti diviene una conseguente componente fondamentale dell’automotivazione che ne rinforza o ne anticipa l’attivazione.

L’auto motivazione è importante perché:

  • favorisce uno sviluppo costante di tutte le altre competenze soft
  • ci permette di raggiungere obbiettivi e risultati impegnativi
  • mantiene adeguato alle situazioni problematiche l’impegno personale
  • ci permette di rispondere alle aspettative nostre e altrui
  • ci rende proattivi di fronte ai problemi e imprevisti
  • favorisce lo sviluppo della forza di volontà e della perseveranza

Come svilupparla?

L’auto motivazione, si sviluppa orientando i propri sforzi verso quelle attività nelle quali riteniamo si possa giungere ai risultati desiderabili, imparando cioè a stimare la probabilità che un determinato evento si realizzi. Diviene però utile anche l’imparare a dare un giudizio sull’efficacia di tali performance, ossia su quanto queste effettivamente portino a delle conseguenze sperate. Si può sviluppare auto motivazione attraverso:

  • un’attenta analisi delle performance di successo passate
  • un’attenta valutazione degli errori commessi e delle cause
  • l’utilizzo di comportamenti di successo già adottati da altre persone in situazioni analoghe con risultati positivi
  • lo sviluppo di una adeguata padronanza dei propri bisogni e desideri
  • un’attenta pianificazione di obbiettivi chiari e raggiungibili
  • una conoscenza dei nostri meccanismi di attivazione psico-fisiologici ed emozionali

Per sviluppare auto motivazione va da sé che serve avere quella che possiamo chiamare “Sana Ambizione”, nel senso di una produttiva e necessaria volontà di ottenere una migliore condizione personale, professionale, affettiva, relazionale, sociale; quanto migliore? Qui entra in gioco proprio l’aggettivo “sana” o “equilibrata”, cioè orientandoci verso un intimo successo ognuno di noi può trovare i propri parametri per valutare le sue performance e per qualificare bisogni, desideri, obbiettivi. Saper superare l’idea di inseguire a qualsiasi costo, ciò che spesso appare come socialmente adeguato come tipo di risultato, ma che per le nostre possibilità e competenze è palesemente fuori portata o persino esagerato, può rendere un grande vantaggio in termini di auto motivazione. Sovradimensionare esageratamente le proprie capacità, i propri obbiettivi, le proprie competenze, le proprie risorse può diventare un pericoloso boomerang in grado di aprire le porte ad una grande demotivazione e depressione, post insuccesso.
Per esprimere auto motivazione serve dunque un piano strategico, chiaro, articolato, un progetto operativo lucido, obbiettivi raggiungibili, stimolanti, misurabili, ambiziosi con scadenze previste e poi ciò che spesso si sottovaluta molta pazienza, calma, allenamento e perseveranza.

Per riattivare, potenziare e allenare questo tipo di competenza alla quale nella maggior parte dei casi non siamo stati culturalmente abituati, oggi giorno ci vengono in aiuto esperienze formative di sviluppo e motivazione personale a carattere esperienziale come Corsa nella Luce corso base del percorso Avventura Vincente di GRUEMP.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

due × 4 =