Gruemp ti ascolta...

#nolividisolocolore – Contro la violenza sulle donne

formazioneamica
FacebookLinkedInTwitterWhatsAppEmail

Nel 1999 le Nazioni Unite hanno scelto la data del 25 novembre  per sensibilizzare l’opinione pubblica sul fenomeno della violenza sulle donne. Questa data è stata scelta in ricordo dell’assassinio delle tre sorelle Mirabal, avvenuto nel 1969 nella Repubblica Dominicana durante il regime di Trujillo. Anche il nostro “Bel Paese” è vittima di queste crudeli vicende e oggi molte organizzazioni, enti, associazioni si muovo costantemente e concretamente per dare un reale contributo a questo orrendo scenario, che vede donne aggredite, maltrattate, picchiate. Sentiamo parlare tutti i giorni anche di casi di Femminicidio e, come riporta l’ANSA, negli ultimi 12 mesi sono 152 le donne uccise in Italia. Fortunatamente l’8% in meno rispetto allo scorso anno, ma i numeri fanno ancora paura.

Solo da pochi anni la violenza alle donne è diventato un tema di dibattito pubblico, si comincia a prlarne in ambito politico, si sta facendo ricerca, progetti di sensibilizzazione e formazione. Purtroppo la realtà ci conferma che vittime e aggressori appartengono a tutte le classi sociali, sia che vivano in posti industrializzati, sia in città e paesi ancora in via di sviluppo.

Ma attenzione perchè di violenze ce ne sono di tanti tipi e non parliamo solo di violenza fisica; la cosiddetta violenza domestica di cui tanto si parla, avviene nelle famiglie o a volte tra le amicizie, con maltrattamenti fisici, minacce, atteggiamenti di persecuzione, percosse, abusi sessuali, femminicidi e così via. Ma questi avvenimenti avvengono anche nel mondo del lavoro, con minacce e abusi; donne costrette a subire ricatti per non perdere un posto di lavoro oppure semplicemente per paura di ritorsioni. Di esempi se ne potrebbero fare a centinaia ma il nostro scopo in questo articolo è un’altro.

Donne

Sensibilizzare è una cosa fondamentale che invitaimo tutti quanti a farlo, come noi stessi stiamo facendo, ma purtroppo non basta da sola per aiutare le donne vittime di tutto ciò, quando in loro entra in gioco la paura e il terrore hanno bisogno di un aiuto reale e concreto.

“La Paura ti spaventa, ti attanaglia lo stomaco quando la senti vicina, ti blocca le caviglie proprio quando vorresti fuggire via, ti immobilizza e non ti resta altro che fermarti. <<Ascoltami>> dice la paura <<ho qualcosa da dirti.>> Ma tu non vuoi ascoltarla, senti il dolore che ti fa e ti divincoli con la speranza che lei molli. Ma lei non molla e quando ad un certo punto cominci a sentire la stanchezza, le energie diminuiscono. Allora tu, rassegnata la ascolti e capisci che è lei la prima a volere andare via da te”.

Ci vuole coraggio, forza di reagire, ma quando una donna subisce violenze e abusi si sente sola ad affrontare tutto, in balia degli eventi, imprigionata dalla paura e dalla vergogna. Ecco perchè è importante capire e imparare a gestire la paura; trovare il coraggio dentro di noi di trasformare la paura in energia. La formazione e lo sviluppo personale possono contribuire a rinforzare gli aspetti più fragili, più vulnerabili di sé. Si può imparare a sfruttare la paura per farla diventare uno strumento di crescita e di evoluzione, mettendosi in gioco e trasformare questi aspetti negativi in opportunità di cambiamento e crescita. Accettare la paura è il primo passo per poterla superare, essere consapevoli di avere una paura e quindi comprenderla, cioè prenderla dentro di noi. Bisogna poi però imparare a prendere il controllo delle nostre emozioni, anche le più negative, conoscerle, sentire cosa ci vogliono dire. Così si potrà sentire il reale desiderio di cambiare polarità e muoversi verso il raggiungimento di nuove prospettive di vita con migliori relazioni e quindi con un migliore benessere.

Stiamo vicini con amore alle donne che amiamo, facciamole sentire importanti e indispensabili. Senza la donna non c’è vita, tutti abbiamo avuto una mamma. Se conosciamo donne con questo tipo di difficoltà, non lasciamole sole, aiutamole a tornare a vivere e a riprendersi la loro dignità.

Per concludere vogliamo dedicarvi una bellissima canzone di Fiorella Mannoia – IO NON HO PAURA

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

4 × quattro =