Gruemp ti ascolta...

Quando il coach è di moda

formazioneamica
FacebookLinkedInTwitterWhatsAppEmail
Coach è una parola di gran moda, non c’è dubbio. Il coach viene aggiunto a quasi tutto, come il sale, come qualcosa che da più gusto a tutto. Se fino a qualche tempo fa quando si tirava in ballo il “coach” era collegabile ad un evento sportivo: oggi il significato si è allargato prendendo in considerazione la concezione del termine più ampia, quella collegata all’allenamento, che non è solo quello fisico. Esiste anche l’allenamento mentale, quello sulle competenze trasversali e su altri aspetti manageriali, ed i formatori lo sanno bene visto che negli ultimi anni hanno contribuito all’affermarsi di questa efficace metodologia. Non a caso il mental coach è una figura professionale conosciuta e collaudata. Va in supporto agli imprenditori piuttosto che agli studenti, anche ai genitori (date un’occhiata al corso Genitori Interattivi di Gruemp). A quanto pare non finisce qui, il coach va in aiuto anche agli sposi, leggevo qualche giorno fa della nuova figura del wedding coach, che consola le spose agitate e convince i futuri mariti poco sicuri della scelta del grande passo, piuttosto che il beauty coach (o qualcosa di simile) che aiuta, sembra attraverso il coaching e la motivazione, a riprendere fiducia in se stessi attraverso l’accettazione della propria immagine, magari aiutando a migliorarla con un corso di trucco.  Forse c’è un po’ di confusione e di eccesso sia nell’uso del termine coach, che nei contenuti. I mental-business-life-sport coach possono veramente aiutare le diverse problematiche, ma serve sempre quella professionalità, e aggiungo anche il corretto uso dei termini, che evitano di creare confusione, far perdere soldi e ulteriore fiducia in se stessi. Non basta aggiungere un sostantivo ad un termine di moda per creare un professionista. Erika Bollettin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

1 × 3 =