Gruemp ti ascolta...

L’INTELLIGENZA EMOTIVA CHE “VINCE”

FacebookLinkedInTwitterWhatsAppEmail

In che senso l’intelligenza emotiva è utile in ambito lavorativo? L’intelligenza emotiva viene definita come capacità di “monitorare” i propri sentimenti e quelli altrui per raggiungere obiettivi prefissati. Significa saper gestire stress, evitare, diminuire o risolvere i conflitti, migliorare la comunicazione interpersonale. L’intelligenza emotiva è una competenza che ci fa rapportare con gli altri in maniera positiva e all’interno di un gruppo di lavoro ci insegna a gestire i rapporti interpersonali. Sviluppare e capire a fondo questo tipo di competenza migliora la qualità della propria vita e del lavoro, qualsiasi sia il mestiere svolto, dal direttore d’azienda all’addetto vendite. Soprattutto, se ben utilizzata e sfruttata, può aiutare ad ottenere risultati concreti utili alla propria carriera: bisogna sapere che per progredire nel lavoro è necessario infatti stabilire rapporti interpersonali costruttivi in azienda, questo presupponendo il saper cogliere le correnti emotive che si stabiliscono tra le persone per potenziare quelle positive e neutralizzare quelle distruttive.

Damiano Frasson,  GRUEMP



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 × 2 =