Gruemp ti ascolta...

Un “coach” per le liti genitori-figli

FacebookLinkedInTwitterWhatsAppEmail

Come affrontare il life coaching le problematiche tra genitori e figli?

La convivenza delle ultime generazioni raramente è stata così complessa, tutto è dato dal gap tra i cosiddetti nativi digitali, ovvero ragazzi dai 15 ai 24 anni cresciuti tra web e smartphone, e gli “immigrati digitali”, chi invece si è trovato a condividere con le nuove tecnologie in età matura e per esigenze spesso lavorative. Due modi di vivere spesso diversi, che generano contrasti e incomprensioni. Secondo i dati del Georgia Institute of Technology, che ha tentato per la prima volta di scavare nella situazione mondiale dei cosiddetti “nativi digitali”, l’Italia conta poco più di 4 milioni di giovani cresciuti a pane e pc. Anche se il numero non è così elevato i problemi ci sono, spesso legati a una mancanza di dialogo. In questo caso il life coaching, quello utilizzato nelle aziende per migliorare il lavoro di squadra o nei team sportivi per mettere a fuoco gli obiettivi, aiuta a sviluppare le capacità autoriflessive e aumenta la consapevolezza sulla criticità del rapporto genitori-figli.

Dott. Damiano Frasson
Gruemp – Consulenza, Formazione, Coaching



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

12 − 7 =