Gruemp ti ascolta...

Trasformazioni…continue e silenziose

formazioneamica
FacebookLinkedInTwitterWhatsAppEmail

La nostra mentalità ci porta, spesso, a considerare che il raggiungimento di un obiettivo dipenda esclusivamente dalle ultime azioni che abbiamo realizzato in modo sistematico, per raggiungere quella precisa condizione, situazione o risultato ottenuto. Quando un atleta raggiunge una performance eccellente, quando un’azienda realizza un’innovazione significativa, quando un ricercatore afferra una particolare intuizione, quando uno studente si laurea, quando un genitore riceve feedback positivi dal proprio figlio… Questi sono solo alcuni esempi di momenti in cui le persone raggiungono un obiettivo. Impulsivamente siamo portati a pensare che un’innovazione o un cambiamento dipendano esclusivamente dalle ultime iniziative e situazioni vissute, trascurando spesso una serie di piccole azioni continue e graduali che erano state intraprese da tempo, proprio in vista del raggiungimento di questo nostro obiettivo. Dimentichiamo che anche l’acqua del mare sposta le coste un’onda dopo l’altra un poco alla volta.

La “trasformazione” che avviene nel momento in cui iniziamo a cambiare in vista di nuove mete da raggiungere, ci dice Francois Julienne in uno dei suoi testi più noti, “è sempre silenziosa”. Il modo di pensare europeo si trova in difficoltà nel momento in cui deve pensare ad una trasformazione in corso, la transizione che porta il soggetto a passare da una condizione a un’altra. E’ più semplice, infatti, attribuire una sola causa al raggiungimento di un obiettivo. In realtà l’arrivo ad una meta prestabilita ci è possibile grazie ad una serie di passaggi mentali, comportamentali ed emotivi che si manifestano nel tempo, a volte in modo consapevole, altre in modo più inconsapevole, nelle nostre giornate. Sono i comportamenti che ogni giorno assumiamo e le piccole decisioni che prendiamo in vista del raggiungimento di una meta che ci portano ad avvicinarci, in modo graduale, all’obiettivo che ci siamo fissati; è nel silenzio della quotidianità che ci trasformiamo continuamente, con atteggiamento teso verso il futuro. L’Avventura della nostra vita diventa Vincente gradualmente e nel tempo, spesso silenziosamente, con la consapevolezza e l’energia necessarie, imparando a gestirsi con la sensibilità di chi sa ascoltare anche il rumore dell’erba che cresce. D. Frasson Formatore e Life coach

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tredici + cinque =